Calcio Cremonese
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

GdS: “Cremonese d’assalto come piace ad Arvedi: ci giochiamo la Serie A”

La Rosea intervista Pecchia: “Se lavori bene in estate poi vai lontano. Ci giochiamo la Serie A”

“Fabio Pecchia è tornato a casa per una lunga vacanza. L’ultima partita della sua Cremonese è datata 11 maggio e il ritiro è in programma per il 26 luglio a Pinzolo. Due mesi e mezzo di stop” esordisce così l’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport introducendo l’intervista al tecnico di Formia.

Ecco, dunque, le dichiarazioni che Pecchia ha voluto rilasciare alla rosea:

PAUSA. “Lo scorso anno non c’è stata sosta, abbiamo giocato tantissimo. Stare fermi così a lungo ora non fa bene”.

SUBENTRATO. “A Verona ho fatto la serie B e poi la Serie A, nella stessa categoria non mi è mai capitato di subentrare a stagione in corso. Abbiamo una buona base di lavoro con i giocatori di riferimento per i nuovi. Bisogna fare una buona preparazione con 30 allenamenti programmati senza l’assillo dei risultati. Lavoro che è quasi impossibile durante il campionato. Mi interessa molto curare l’aspetto psicologico del gruppo e prepararlo alla prossima stagione”.

BENITEZ. “Da Rafa ho imparato molto. Ho capito che se lavori bene in estate poi vai lontano. A Napoli è stato difficile: avevamo tanti giocatori al Mondiale e pure la Champions da fare”.

SALVEZZA. “Quando sono arrivato a Cremona, la squadra era terz’ultima. L’obiettivo poteva essere soltanto rimanere in Serie B. Abbiamo conquistato la salvezza in anticipo e nel finale potevamo fare qualcosa di più magari entrare di slancio nei playoff come è successo con il Brescia. La chiave è stata a Monza dove meritavamo di vincere e invece…”

ARVEDI. “Parlo spesso con il Cavaliere, è molto ambizioso e vincente. Ha dato vita ad un club ben strutturato, vuole una squadra propositiva e noi la faremo frizzante, coraggiosa e con la voglia di migliorarsi di volta in volta. In B è così poi succeda quel che succeda”.

SERIE A. “Cosa manca a questa Cremo per la A? L’identità e la continuità nei risultati. Per il resto ha tutto: una bella struttura, un centro di allenamento all’avanguardia, non manca nulla”.

PROSSIMA SERIE B. “Sarà un campionato tosto e altamente competitivo che potrebbe cambiare ancora a gennaio. Vedete il caso Ascoli”.

CREMONESE. “E’ una squadra giovane con qualche giocatore d’esperienza di Serie B in rosa. Da fuori la Cremonese mi è sembrata molto forte, da dentro ho notato che manca di fiducia. Non cerchiamo figurine ma l’importante è fare gruppo con i giovani”.

BRAIDA. “E’ un valore aggiunto per il club e anche per me. Con quello che ha fatto può solo insegnare: non lo conoscevo, è piacevole lavorare con lui”.

Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Scopriamo insieme il bomber della squadra di mister Pavesi Uno dei protagonisti della storica promozione...

Johnsen salterà la sfida contro la sua ex squadra, Tuia e Ravanelli lavorano a parte...

Dopo tre panchine consecutive, l'attaccante vuole una maglia da titolare per sfidare al Penzo Pohjanpalo...

Dal Network

Brighenti potrebbe tornare titolare. Tutti i ballottaggi in casa giallorossa...
"Ci accomuna il possesso palla, ma i nostri principi sono diversi da quelli dei grigiorossi"...
L'allenatore rossoverde nel dopogara: "Bravi tutti, a partire da Vitlai e Favilli a tutti gli...

Altre notizie

Calcio Cremonese