Calcio Cremonese
Sito appartenente al Network

Penna in trasferta, Guido Lorenzelli (Voce del Tigullio): “Entella in crisi per via degli infortuni”

Il collega, che segue da vicino la squadra ligure, presenta il match di domani pomeriggio

Allo Zini la Cremonese proverà a centrare la prima vittoria stagionale contro l’Entella. Per capire meglio che aria tira a Chiavari ci siamo fatti aiutare dal giornalista de La Voce del Tigullio Guido Lorenzelli.

Ecco dunque la nostra intervista al collega.

Come arriva l’Entella alla sfida contro la Cremonese?
“Secondo me arriva male. Gli infortuni e le vicende in panchina stanno influenzando il cammino dei liguri in campionato. Vivarini deve riformare il gioco dell’Entella ancora legato alla gestione dell’esonerato Tedino. Con il tecnico di Udine si giocava malissimo, si fissava su certi schemi e giocatori. Uno di questi è la punta centrale Petrovic, non adatto alla categoria perché ancora acerbo. Qualche buona notizia c’è: il ritorno di due giocatori che potrebbero dare una grossa mano, Schenetti e Paolucci e la buona prestazione vista contro la Spal. Ma lastrada è ancora lunga, bisogna lavorare tanto”.

Quali sono i punti forti?
“I due calciatori di cui parlavamo prima sono imprescindibili per l’Entella. Il centrocampista centrale, che è appena tornato dall’infortunio, ha i piedi buoni, ha carattere e batte magnificamente le punizioni. Schenetti, anche lui appena rientrato e presente contro la Spal, è un grande giocatore di esperienza. L’ex Cittadella ha caricato i suoi nel primo tempo della partita contro gli emiliani ma quando ha mollato, i liguri sono calati e hanno subito il gol decisivo. Vivarini punterà su di loro”.

Quali, invece, i punti deboli?
“La rete è arrivata su calcio da fermo, uno dei punti deboli di questa Entella. I “Diavoli Neri” come vengono chiamati i liguri,  prendono quasi sempre gol da calci da fermo. Sui 14 subiti, massimo 7 sono su azione il resto da calci d’angolo, punizioni o rigori. Nonostante la presenza in difesa di giocatori alti e grossi, i gol arrivano perché i difensori marcano male. Sembra quasi che marchino a zona dimenticandosi l’uomo. Nell’ultima partita hanno lasciato Schenetti a marcare Di Francesco e non si sa il perché un trequartista debba marcare una punta, forse per la stazza. Quindi una grossa problematica dell’Entella è la difesa, oltre agli infortuni detti prima. Difesa che lo scorso anno era uno dei punti forza e ora si è indebolita. Altro punto debole è l’attacco: i liguri segnavano poco prima di Vivarini appunto perché Tedino puntava su Petrovic mentre De Luca e Mancosu che sono i bomber, in assenza dell’infortunato Rodriguez, hanno segnato 3 e 2 gol a testa. Il secondo parte sempre dalla panchina mentre il primo subentrava con Tedino e ora è titolare. Infine Morosini, giocatore di grande talento, sta deludendo fino ad ora. Con la Spal si sono visti dei netti miglioramenti ma la strada è lunga. Il mercato estivo ha portato veramente poco e tutti questi infortuni stanno limitando l’uso di diversi giocatori di talento”.  

Come valuti il cammino dell’Entella fino a qui?
Molto deludente. La gestione di Tedino non è stata il massimo. Il portiere Borra ha salvato i liguri in diverse occasioni durante partite disastrose, Sala è andato via ed è stato ben sostituito da Costa, arrivato dal Bari ma è infortunato. A destra c’è Coppolaro che sostituisce De Col, altro infortunato. Tolti De Luca e Mancosu c’è Rodriguez che è molto bravo per la categoria ma anche lui è out e non può dare una mano. Abbiamo preso Brunori ma non finalizza, non sta dimostrando di essere un bomber poi i vari Mazzocchi e Cardoselli, sulla via del recupero Nizzetto. Tedino addirittura giocava con dei giovani tra i quali Koutsoupias che è adatto a questo campionato mentre l’altro è Bonini ma anche lui non sempre fa bene. Spero che le cose cambino con Vivarini e si recuperi qualcuno”.

Passando alla Cremonese. Cosa ne pensa del momento no dei grigiorossi?
Pensavo che sulla carta la Cremonese avrebbe fatto molto di più rispetto all’Entella ed invece si ritrovano nella stessa situazione. Ha molti giocatori forti in rosa a livello di carriera.  Giocatori come Ceravolo, Ciofani, Bianchetti fanno la differenza. Conosco bene quest’ultimo ma non so cosa gli sia successo, non sta facendo molto bene. Per il resto mi piacciono molto Valzania, Deli e Gustafson non è poi così male. Ciofani, Strizzolo e lo stesso Ceravolo sono molto forti ma devono ritrovarsi. I tre attaccanti sono un lusso per la città, possono fare la differenza”.

Secondo te come finirà la partita?
L’Entella non ha i 90 minuti nelle gambe, purtroppo ha molti infortunati e si sente molto l’assenza di giocatori come Brescianini. Sulla carta è favorita la Cremonese perché ha una rosa molto forte. Però mi fa ben sperare il primo tempo di Ferrara. L’Entella potrebbe puntare sui recuperati Paolucci e Schenetti e nella mezz’ora finale anche di Mancuso”.

La redazione di calciocremonese.it ringrazia per la disponibilità il collega Guido Lorenzelli e le augura un buon lavoro

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

In un quadro più che positivo non manca qualche insufficienza, anche se non grave...
Stroppa conferma il trend del momento, ma non mancano un paio di novità rispetto alle...

I grigiorossi esultano allo Zini dopo un match difficilissimo contro i lagunari: i ragazzi di...

Dal Network

Quella tra Pisa e Cremonese è stata la partita che ha visto il ritorno in campo dal primo minuto...

Il Pisa conquista il quarto risultato utile consecutivo, grazie al pareggio contro la Cremonese. Interrotta la striscia consecutiva...

Calcio Cremonese